Quando per la prima volta ho letto questa poesia di Benjamin Péret, mi sono stupito di come un francese, nel 1929, si dedicasse a un tema tipico italiano: la mamma.

 

Quand ta mère se frotte le bouton

toute la maison gémit

et les voisins mettent leur pine sur le balcon

les hirondelles la caressent de leurs ailes

et la maison s’envole

à la barbe du curé qui n’a pas de couilles

Elle frotte frotte

comme s’il s’agissait de polir le mont Blanc

Mais malheureuse tu vas l’user ce bouton

Elle frotte et voilà qu’elle jouit

on dirait un raz de marée

Le curé est balayé

et sa tête s’enfonce dans le cul de Dieu

Les voisins n’ont plus qu’à rentrer leur pine

C’est fini de pleuvoir pour aujourd’hui

 

Benjamin PÉRET, Les Rouilles encagées – Les Couilles enragées, 1929

 

 

 

Quando tua madre si strofina il bocciolo

tutta la casa geme

e i vicini mettono il loro uccello sul balcone

le rondinelle lo accarezzano con le loro ali

e la casa prende il volo

in barba al curato che non ha i coglioni

Lei strofina strofina

come se si trattasse di lucidare il monte Bianco

Ma disgraziata tu lo consumi quel bocciolo

Lei sfrega ed ecco che viene

si direbbe un maremoto

Il curato è spazzato via

e la sua testa si ficca dentro il culo di Dio

I vicini non hanno che da far rientrare il loro uccello

Ha smesso di piovere per oggi

 

da: Benjamin PÉRET, Le ruggini ingabbiate – I coglioni arrabbiati, 1929

traduzione: Mascolini*

 

 

*) E pensare che mamma mia era del '29...

 

 N.B.: Per saperne di più su Benjamin Péret: Sparate sempre prima di strisciare, Nautilus.