teo baracca 223

da Li sonetti post bellici de Teo Baracca, seconda raccolta, ancora inedita

 

   223. La pulizzia de ‘r papa

    ‘Gni tant’er papa lo rifann’a nnòvo
Siccome è — ccome tutti i monumenti —
coperto de zzozzura e dde scrementi
je laveno la coccia (1) comm’a n’òvo (2)

    Spiegallo nun è ffacile, ce provo:
raduneno i ppiù ppeggio maggiorenti
de ‘r marketing mondiale e i ppiù ffetenti
li capeno e li porteno a’ ritrovo

    che sta ddrent’a li muri vaticani
Co i sòrdi de ‘na fida propaganna
je sstudieno li modi ppiù ccristiani

     pe rimontallo bbianco comme ppanna
e offrillo linde ppinto a li romani
E ssenza mmerda addosso: aricomanna!

    E ovviamente condanna
chi nun vò ccrede a cchi ppe ddumil’anni
ha ddett’e ffatto tutti i peggio danni

    pe ppo’ ‘ggni vvorta risciacquasse i panni
Ma nun potrà ppulì senz’artra offesa
‘na storia de schifezze de la Cchiesa

            de Teo Baracca
                tra ll’8 e ‘r 9 de lujjo de ‘r 2k13

1. Il guscio 2. Che sse sà da dó sòrte...

3. de scrementi: d’escrementi. 4. comm’a n’òvo: come a un uovo. In nota 2 il Baracca specifica, riferendosi all’uovo: che si sa da dove esce... 8. li càpeno: li scelgono. Capà la mesticanza, pulire l’erba di campo. Capàte, capàte!, scegliete, scegliete! - a’: ar, al. 9. drent’a li muri vaticani: all’interno della cerchia delle mura vaticane. 10. Con i soldi di una fida propaganda. Il riferimento è, ovviamente, Propaganda Fide, l’agenzia papalina, centro di potere, che gestisce il mastodontico patrimonio immobiliare di proprietà di questa massa de poverelli... 13. offrillo: offrirlo, porgerlo. 14. aricomanna: ricomanda, comanda di nuovo, ancora, e ancora... 16. chi non vuole credere a chi per duemila anni. 18. pe ppo’ ‘ggni vvorta risciacquasse: per poi ogni volta risciaquarsi. 20. schifezze: cattiverie, immondizie, obbrobri, orrori, porcherie, schifi, sozzure, sporcizie, strazi, meschinità, porcate, brutture, lerciumi, lordure, robacce, sudiciumi, mostruosità, boiate,  laidumi, luridumi, sudicerie, nequizie, ..., della Chiesa.
Sonetto bicaudato che parla di una lavanderia delle cattive coscienze.